home page


Testi che hanno dormito troppo a lungo nei cassetti.
Autori che si meritano quindici minuti di eternità.
Immagini che commentano, amplificano e illuminano fili nascosti.
Una crestomazia dalle tre P: progressiva, periodica e non pusillanime.

[25/5/2010]

# 43_Alberto Mori_II


T e l e f o n i e l i e v i
di Alberto Mori



Teorema postmoderno

Rovistatore di merce con la mano sinistra.

Ricevitore di chiamata cellulare

con l'orecchia destra in presa diretta.

Sottofondo d'annuncio commerciale

nell'orecchia sinistra in presa indiretta.

Occhio destro su prezzo.

Occhio sinistro su display dell'orologio elettronico.

Nella progettualità organizzata istintivamente

dalla mente in tempo reale

l'idea del tempo libero

con moltiplicazione esponenziale

delle stimolazioni edoniste.



Vocazione on line

Chiamata trasferita

Durante l'attendere

Prego



Cordless

In volo fuori campo

Sospeso on line

Non più prefisso nella cellularia



Nokia cheto

Dimensione conchiusa.

Cellula silenziosa.

Dorme al livello deposto della sua batteria.



La ricarica

Ricarica a credito esaurito.

Poi comincia nuovamente.

Ad etere pronto

in sms vagito.



L'idilliare

Idilliare degli inizi tergiversa

presto largopausato poco conversa.

Incrina anche registrazione sulla segreteria.

Voce vuota allontana deceduta telefonia.



Queste parole

Queste parole sono per la tua segreteria

salutano e vanno via

incise dal vento in fresca malia.



Alberto Mori (2010)


torna a Testi